INTERVIENE IL NURSIND

Infermieri, polemica su turni e indennità a Messina

MESSINA. “Gli infermieri rispettano tutte le regole su turni e indennità. Il gettone di servizio è stato decurtato e garantisce un grande risparmio alla Regione e in ogni caso il personale infermieristico svolge lo stesso lavoro con grande spirito di abnegazione”. Lo afferma in una nota il Nursind che interviene sulla polemica scoppiata dopo le dichiarazioni del sindacato dei medici Snami che in sostanza ha detto che gli infermieri del 118 si assentano a loro piacimento in base a feste o impegni familiari.

“La centrale operativa – scrive il Nursind guidato in provincia da Ivan Alonge - non si è mai fatta carico della gestione dei turni del personale infermieristico e medico nel bacino di Messina, fatto salvo il Papardo, cosa che gli avrebbe permesso di avere una visione organica anche e soprattutto per avere contezza di eventuali carenze di personale”. E rivolgendosi al direttore della centrale operativa del 118, Domenico Runci, prosegue: “Runci riceve mese per mese i turni consuntivi delle postazioni, non si è mai accorto delle carenze di organico nelle postazioni? Avrà diritto la popolazione a un servizio completo? Il Nursind non è nuovo a richieste di inserimento dell'infermiere a bordo così come previsto dalle linee guida. Si potrebbero spostare altri infermieri da altre postazioni vicine per migliorare la qualità del servizio oltre a coprire i turni vuoti". E invece a fronte di tutto ciò, “lo Snami si accorge solo adesso che hanno rimosso un soccorritore e non da quando è uscito il regolamento per infermieri?”.

Quindi Alonge, assieme al responsabile Nursind del 118, Carmelo Desimone, attacca: “A Messina sono pochissimi i mezzi con infermieri a bordo. Siamo figli di una sanità minore? Sono dodici i mezzi con il solo soccorritore a bordo, diciotto con medico e soccorritore e solo in cinque postazioni soccorritore, infermiere e medico. Solo un completo equipaggio a bordo può garantire l’efficace assistenza a un paziente critico”. Sempre in merito ai turni il Nursind ricorda che “esistono sentenze di cassazione che proclamano la conciliazione dei tempi di vita dei lavoratori” e lo Snami non può ignorare le norme sul riposo obbligatorio e sulla conciliazione vita-lavoro.

Sul gettone di presenza il sindacato delle professioni infermieristiche chiarisce che “è stato rimodulato nel 2009 con una decurtazione di una grossa percentuale e gli infermieri che garantiscono il servizio con questo gettone di presenza evitano ai conti della Regione un tracollo perché istituire un contingente di personale dedicato costerebbe alla sanità tantissimo”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X