GRANITI

La storia di Giuseppe, colpito dalla meningite: "Salvo grazie ai medici"

di

PATTI. È ritornato a casa a Graniti, Giuseppe D’Amore, il diciottenne colpito da meningite e, ricoverato dallo scorso due gennaio, nel reparto di Rianimazione dell’ospedale «Barone Romeo» di Patti.

«Adesso sto bene- afferma il giovane- sono stato accolto dall’intera comunità del piccolo centro della Valle dell’Alcantara, ringrazio tutte le persone che sono state vicine a me ed alla mia famiglia ed in particolare i medici della guardia medica di Graniti, i sanitari del 118, i medici e l’intero staff del pronto soccorso del San Vincenzo di Taormina, il primario Mariella De Florio e lo staff dell’Unità operativa complessa di Anestesia e Rianimazione di Patti. Mi hanno salvato la vita - dichiara Giuseppe - le prime cure prestatemi da mio zio Claudio D’amore, volontario istruttore di primo soccorso dell’associazione “Angeli per la Vita” e da un altro zio, che con i medici e l’equipe del 118, mi hanno praticato il massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca, consentendomi di arrivare all’ospedale San Vincenzo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X