IL CASO

Palo caduto e degrado al rione Ogliastri a Messina, l'allarme

MESSINA. Il Rione Ogliastri di Messina nel degrado e qualche giorno a causa del maltempo un palo è caduto danneggiando un'auto. A lanciare l'allarme è il vice presidente vicario della V Circoscrizione Franco Laimo, che da tempo lamenta il totale abbandono dell'intero rione lasciato a se stesso senza alcuna cura e custodia: "Rione Ogliastri, uno dei tanti luoghi storici della nostra Messina, si trova nel degrado a causa di incongruenti esecuzioni di intervento da parte di vari dipartimenti di competenza che non riescono a congiungere le responsabilità di provvedimento, decisione e operazione del luogo stesso. Le conseguenze sono svariate, e tra le piu' significative, possiamo visibilmemte osservare; assenza di manutenzione, pulizia inesistente, illuminazione spesso alternata e quasi sempre spenta. Ad aggravare la situazione pochi giorni fa, a causa delle intemperie meteorologiche, è caduto un palo di pubblica illuminazione che ha danneggiato un'auto parcheggiata e che solo grazie al caso non si è verificata la tragedia di turno".

Secondo Laimo "l'area risulterebbe di competenza IACP, ma a tal riguardo spesso vi è confusione fra i vari dipartimenti a discapito dei cittadini che finiscono per pagarne le conseguenze, senza avere le dovute manutenzioni fra illuminazione, manto stradale e pulizia. Adesso dunque - afferma Laimo - la situazione è precaria, la scarsa o quasi inesistente illuminazione crea non pochi problemi di sicurezza per i residenti; a tal riguardo - continua l'esponente di Sicilia Futura - sono stato contattato da alcuni cittadini che, se autorizzati, sarebbero pronti ad accollarsi le spese per ripristinare il palo caduto, pur di garantire un minimo di sicurezza, dove tra l'altro vive una ragazza disabile che nelle ore serali ha non poche difficoltà logistiche derivanti dall' assenza di illuminazione".

Il vice presidente Laimo però si chiede di "è mai possibile che il cittadino deve sempre autotassarsi per risolvere i problemi? Non svolge già il suo dovere pagando le tasse comunali?. Non è certamente questa la soluzione ai mali, fa certamente onore a questi cittadini onesti e generosi, ma l'amministrazione deve garantire i bisogni primari della collettività. Adesso si spera di non finire alle cosiddette "calende greche" prima di ripristinare il palo caduto".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X