LA SENTENZA

Mafia di Barcellona, Cassazione: 11 anni a un albanese affiliato

BARCELLONA. Un albanese, che era ai domiciliari per mafia a Terme Vigliatore, è stato trasferito dai carabinieri al carcere di Barcellona. Dajacaj Zamir, 44 anni, ha iniziato così a scontare la condanna a 11 anni di reclusione, che gli è stata inflitta dai giudici della Corte d’Appello di Reggio Calabria.

La sentenza, nei giorni scorsi, è stata oggetto di esame da parte dei giudici della Suprema corte che hanno confermato la pena inflitta all’albanese. Il procedimento è quello battezzato «Gotha 1 e Pozzo 2», che nel giugno 2011 ha portato in carcere numerosi esponenti delle famiglie di Mazzarrà Sant’Andrea e Barcellona Pozzo di Gotto. Si tratta della prima maxi operazione antimafia a Barcellona Pozzo di Gotto.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X