MUSICA

Negramaro in tour negli stadio, tappa l'8 luglio a Messina

Tanta musica, altrettanto impegno e un sano orgoglio "indie". Sono stati questi gli elementi del concerto con il quale i Negramaro ieri sera a San Siro hanno dato il via ufficiale all’"Amore che torni Tour Stadi 2018" che poi farà tappa a Roma il 30 giugno, a Pescara il 5 luglio, a Messina l’8 per chiudersi a Lecce, con il ritorno dove tutto è partito, il 13 luglio.

I Negramaro, dopo essere stati la prima band italiana a suonare a San Siro, è tornata nello stadio milanese per due ore e mezza di spettacolo che è riuscito a superare indenne anche l'inconveniente tecnico che, durante l’esecuzione di "Sei tu la mia città" ha tolto la voce a Giuliano Sangiorgi.

"Tornare a suonare negli stadi è il modo migliore per ricaricarci e affrontare nel migliore dei modi i prossimi progetti", avevano spiegato i componenti della band che, come rivelato all’uscita dell’ultimo disco, aveva rischiato lo scioglimento.

"Il mio vero orgoglio è essere qui adesso con la band, quando guardo tutti loro ritrovo la pace. Sul palco si consuma un’umanità che per me è tutto", ha ammesso il frontman Sangiorgi che a novembre diventerà padre per la prima volta.

"Sono sempre stato molto riservato sulla mia vita privata. Ma, stavolta, con la mia compagna Ilaria (Macchia, autrice e sceneggiatrice, nda) abbiamo deciso che questa cosa era troppo bella per tenerla solo per noi. Sono molto felice di aver dato la notizia, ma da oggi torno a essere riservato", ha risposto a chi gli chiedeva dettagli sulla notizia. Non è stato, invece, avaro nell’affrontare temi importanti come quello dei migranti al quale, sul palco, è stata dedicata "Per uno come me".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X