La siciliana Chillemi e Diana Del Bufalo insieme per una nuova webseries: "Parliamo di amicizia"

Un’alchimia immediata, quella tra Diana Del Bufalo e Francesca Chillemi originaria di Barcellona Pozzo di Gotto, girando la serie Che Dio Ci aiuti, diventata una grande e profonda amicizia nella vita, ora sbarca anche su Instagram con una webseries, Diana & Francesca, nata da una loro idea (insieme a Gianluca Tucciarone).

Le due attrici, che della serie sono anche coproduttrici (la regia è di Chiara Milani) al Giffoni Film festival, parlano con entusiasmo del progetto, scherzando continuamente, tra autoironia e battute, interrompendosi e completandosi le frasi a vicenda.

«L'idea della webseries è nata proprio sul set di Che Dio ci aiuti, in una della pausa di lavorazione. Abbiamo girato i primi video che hanno riscosso subito un grande interesse - spiega Francesca Chillemi, che sta girando la quinta serie di Che Dio ci aiuti, nella quale invece non comparirà l’amica -. Nei personaggi c'è molto di noi e del nostro legame».

Diana Del Bufalo, racconta di provare «un amore-odio per internet. Dopo l'invenzione della ruota per me come importanza c'è il web.- dice- Lì tutto si amplifica, anche in negativo, basti pensare al cyberbullismo, che provoca cose spaventose». L’attrice, lanciata da Amici, sarà nella prossima stagione anche in tre film: le commedie di Luca Miniero, Aspettando il gorilla (il titolo è provvisorio), con Cristiana Capotondi e Francesco Scianna, quella di Volfango de Biasi, Bugiardi, con Giampaolo Morelli, remake del campione d’incassi francese Alibi, e La profezia dell’armadillo di Emanuele Scaringi (che potrebbe debuttare alla Mostra del cinema di Venezia) sulla vera storia del fumettista Zerocalcare.

Il web, aggiunge accanto a lei Francesca Chillemi, «ci permette di veicolare noi stessi, comunicare, ma è anche pieno di controsensi. Sui social vengono proposti modelli impossibili di perfezione, che fanno sentire soprattutto le ragazze inadeguate, le portano a non amarsi. Noi cerchiamo di dare un messaggio diverso, anche con la nostra webseries, siamo più umane e vere. C'è la parte più libera di noi. la cosa più bella che ci può essere tra due donne è la complicità».

Diana Del Bufalo ci ha messo del tempo ad accettarsi: «Ero molto insicura di me stessa da ragazza. E’ cambiato tutto quando ho capito che la bellezza sta nella diversità. Però anche per le bambine, su Disney Channel a volte vengono proposti modelli di ragazzine perfette con cui non è facile confrontarsi». Anche Francesca Chillemi ha fatto molta fatica ad accettarsi: «In questa società se sei bella devi essere stupida, se sei sovrappeso non vai bene. Ho imparato a fregarmene di quello che dicono gli altri di me, ma ci vuole tempo».

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X