GIUNTA

Risanamento delle aree degradate, il Comune di Messina chiede lo stato di emergenza

di

Per gli interventi di sbaraccamento e demolizione la giunta comunale ha richiesto lo Stato di emergenza sanitaria socio-ambientale. Sono stati adottati i primi atti che secondo l’amministrazione De Luca dovranno portare entro fine anno a reperire sul mercato 2 mila alloggi dove trasferire i baraccati delle aree degradate inserite nei vari ambiti del piano di Risanamento. Sono a disposizione oltre 200 milioni di euro di fondi regionali. Ieri la giunta ha incontrato i capigruppo in Consiglio comunale dopo aver approvato la presa d’atto dell’ordinanza sindacale 163 del 6 agosto scorso con la richiesta al presidente della Regione e al governo nazionale di dichiarazione dello stato di emergenza.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X