TRIBUNALE

Rapine con ipnosi nel Messinese: respinte le istanze, i sei indagati restano in carcere

di

Restano tutti in carcere i sei palermitani che, sino allo scorso gennaio, rapinavano tra, Barcellona e Milazzo, ignare vittime con l’ipnosi. Il giudici del Tribunale del Riesame di Messina hanno infatti rigettato i ricorsi presentati delle sei persone arrestate, lo scorso tre agosto, nell’ambito dell’operazione «Hypnose».

Restano pertanto in carcere ritenuti responsabili, a vario titolo, di rapina aggravata in concorso, mediante l’ipnosi , Michele Faija, 59 anni di Cinisi, Giuseppe Immesi, 68 anni di Palermo, Matteo Li Causi, 49 anni, originario di Palermo, ma residente a Bergamo, i palermitani Gaetano Talamanca, 51 anni e Giovanni Salafia, 27 anni e Domenico Immesi, 38 anni di Villabate.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X