Policlinico di Messina, oltre 80 visite durante l'Open Day per la diagnosi di artrite reumatoide

Grande l’entusiasmo da parte dei pazienti, che hanno visitato il Policlinico di Messina in occasione dell'Open Day per la diagnosi di artrite reumatoide e spondiloartrite.

Oltre 80 persone, in prevalenza donne over 50, hanno partecipato alla giornata che si è svolta lunedì, promossa dal Dipartimento di Reumatologia del Policlinico di Messina. Obiettivo la diffusione della cultura della diagnosi precoce di queste due malattie. Sono state sottoposte a screening gratuito circa 80 persone, mentre sono state oltre 100 le persone che si erano prenotate.

“Sono patologie che conducono alla disabilità - ha spiegato la prof.ssa Atzeni, che dirige l’equipe della Clinica Reumatologica dell’Ospedale – ma poiché in Reumatologia abbiamo fatto dei grossi passi avanti, una diagnosi precoce e nuovi farmaci permettono dei risultati eccellenti e ci consentono di evitare la disabilità mantenendo una buona qualità della vita sia sociale, sia familiare che lavorativa. Per questo abbiamo voluto questo Open Day, per sensibilizzare i cittadini al fatto che le malattie reumatiche sistemiche coinvolgono una gran fetta della popolazione"

L’artrite reumatoide è una malattia reumatica sistemica autoimmune a causa sconosciuta caratterizzate da dolore, tumefazione, rossore e rigidità a carico di tutte le articolazioni quali quelle delle mani, polsi, gomiti, spalle, anche, ginocchia e piedi.

Un successo innegabile, dice Giuseppe Girbino, direttore del Dipartimento di Medicine Specialistiche e Oncologia Medica e dell’UOC di Pneumologia, "a conferma di come le problematiche di ordine reumatologico siano estremamente diffuse nella popolazione".

Nel video il professore Giuseppe Girbino

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X