GUARDIA DI FINANZA

Truffa all'Agea, sequestrati beni per 102 mila euro a una coppia di Falcone

di

Due coniugi di Falcone hanno truffato l'Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura. La guardia di finanza di Messina ha sequestrato beni per 102 mila euro tra il 2013 e 2016.

"La coppia ha dichiarato di avere un certo numero di terreni per i quali l'Agea aveva erogato 102 mila euro - spiega il tenente colonnello della guardia di finanza di Messina Jonathan Pace - .La coppia aveva stipulato contratti d'affitto con proprietari di terreni che erano già morti. In altri casi i due avevano stipulato contratti d'affitto con persone ignare. In un caso con la forza dell'intimidazione un anziano è stato costretto a stipulare un contratto d'affitto con la coppia. Il marito è Gino Calcola l'Abruzzo, fratello del presunto boss Salvatore della zona di Montalbano Elicona".

I finanzieri del comando provinciale di Messina e i carabinieri del reparto tutela agroalimentare di Messina hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal gip presso il tribunale di Messina.

Gino Calcola l'Abruzzo e la moglie attraverso delle società hanno dichiarato falsamente la proprietà di terreni o l'affitto o il comodato d'uso di altri terreni, senza averne la materiale disponibilità e i contratti di affitto e di comodato, indicati nelle domande  presentate all’Agea erano falsi in tutto o in parte.

I finanzieri hanno scoperto che le due imprese agricole hanno percepito contributi per oltre 100 mila euro. Il tribunale di Messina, sulla base delle risultanze investigative, ha disposto gli arresti domiciliari e il sequestro per equivalente di terreni, conti corrente capannoni fino al raggiungimento della cifra truffata.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X