CARABINIERI

Messina, 70enne sequestra una giovane e tenta di compiere atti sessuali: arrestato

di

"Una telefonata salva la vita". È stata una chiamata ricevuta ad un cellulare che avrebbe infatti evitato l'ennesima violenza sessuale nei confronti di una ragazza. La vicenda è accaduta a Messina dove i carabinieri hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un 70enne messinese, che deve rispondere di violenza sessuale e sequestro di persona.

La vittima è una giovane ragazza che, nello scorso mese di giugno, si stava recando nell’abitazione del suo nuovo datore di lavoro. Non riuscendo a trovare esattamente il luogo, è entrata all'interno di un CAF del centro cittadino per chiedere informazioni.

Uno dei due dipendenti presenti si è immediatamente interessato, invitando la giovane ad entrare dentro il proprio ufficio ma lì è successo quello che la giovane mai si sarebbe immaginata: l’uomo ha chiuso la porta a chiave e, una volta invitata la donna ad accomodarsi, le si è seduto a fianco. Ha iniziato immediatamente a fare alla giovane avances, poi l'ha palpeggiata e ha continuato a farle continui apprezzamenti, senza tener conto della reazione della donna che invece rifiutava ogni approccio.

Ad un certo punto è giunta, sul telefono della vittima, una chiamata, la ragazza ha risposto e ha riferito all’aggressore che fuori dai locali c’era il fratello che la stava aspettando. A quel punto, sentendosi scoperto, l’uomo ha desistito, pur non mostrando alcun pentimento per il gesto compiuto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X