stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lipari, rifiuti fuori orario: multe per sei diportisti
I CONTROLLI

Lipari, rifiuti fuori orario: multe per sei diportisti

di

LIPARI. Dopo le proteste arrivano le multe per i diportisti che non fanno la differenziata. Dall'altro ieri pomeriggio la polizia municipale in "borghese" a Marina Lunga e Pignataro, su input della giunta Giorgianni, ha fatto scattare finalmente i controlli, richiesti a furor di popolo, e sono arrivate le multe per sei proprietari di barche che oltre a non fare la differenziata, depositano la spazzatura «fuori orario consentito».

A Pignataro però alcuni diportisti si sono ribellati e hanno fortemente protestato con le due vigilesse, Daniela Castrogiovanni e Simona Grilla, tanto che è stato necessario l' intervento dei carabinieri per calmare gli animi.La spazzatura si può depositare dalle 5 alle 8,30 del mattino. Il totale della multa è di circa mille euro.

Nel Comune di Santa Marina Salina per stroncare il "fenomeno", dopo una segnalazione, è sceso al porto direttamente il sindaco Massimo Lo Schiavo con i vigili urbani ed è stata elevata la multa di quasi 1170 euro. Racconta il primo cittadino di Salina: "Erano le alle 14.30 di un caldo pomeriggio d' agosto.

Un bel tenderino, grazie alla lodevole segnalazione di un cittadino in mancanza di qual si voglia controllo ha scaricato decine di sacchi di spazzatura. Personalmente mi sono recato sul luogo con i vigili e si è provveduto a sanzionare i soggetti in violazione delle norme locali sul conferimento degli Rsu. Invito tutti a segnalare altri accadimenti simili tempestivamente. E ai nostri cari visitatori avverto che Salina non è il bidone di rifiuti di turno di nessuno. Comportatevi in modo civile imparando anche a bordo a fare la differenziata e a rispettare le regole del luogo che visitate».

Nelle altre sei isole del maggior Comune eoliano, Lipari, i cittadini che fanno regolarmente la differenziata (ma i più no, visto che la percentuale è ancora ai minimi storici) si chiedono "Chissà con i controlli giornalieri quanti quattrini il Comune avrebbe potuto incassare?». Per tutta la stagione turistica difatti è continuato imperterrito il conferimento "selvaggio" dei ri fiuti da parte dei diportisti. Addirittura arrivano con mega gommoni (d' appoggio a mega yacht che si fermano in rada), pieni di giganteschi sacchi neri: almeno 10. E scaricano... indisturbati nei cassonetti. La distanza del cassonetto ha anche creato qualche disagio ed allora lo stesso diventa «itinerante». E lo avvicinano di fronte al pontile. Ovviamente non fanno la differenziata e non pagano la tassa di sbarco. Ma questo ormai non è piu' una novità.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X