stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Marittimi morti a Messina, il quarto in fin di vita: grave anche il comandante della nave
L'INCIDENTE AL PORTO

Marittimi morti a Messina, il quarto in fin di vita: grave anche il comandante della nave

MESSINA. Restano gravissime le condizioni di Ferdinando Puccio, 36 anni, uno degli operai che ieri stavano lavorando nel serbatoio della nave Sansovino, del gruppo Caronte & Tourist, ormeggiata nel molo Norimberga del porto di Messina e che sono stati investiti da gas rivelatisi letali.

Tre di loro sono morti; altri tre sono stati trasportati d'urgenza in ospedale, due sono in gravi condizioni. La Procura di Messina ha aperto un'inchiesta per accertare le cause dell'incidente. Puccio, ricoverato all'ospedale Piemonte, viene sottoposto in questo momento a una ventilazione forzata ai polmoni.

Le sue condizioni sono definite disperate, tanto che ieri sera compagni di lavoro e alcuni sindacalisti avevano comunicato il suo decesso. In ospedale si trovano anche i familiari dell'operaio, giunti da Terrasini.

Gli operai si sarebbero sentiti male, mentre stavano eseguendo dei lavori di saldatura, in seguito alla fuoriuscita di gas. Le vittime sono Gaetano D'Ambra, 27 anni, Christian Micalizzi, 38, e il palermitano Santo Parisi, di 51. Sei i feriti ma l'unico grave, oltre a Puccio, è il comandante Salvatore Virzì.

Il fascicolo aperto dal procuratore aggiunto Giovanella Scaminaci, che coordina l'inchiesta al momento contro ignoti, ipotizza il reato di omicidio colposo e lesioni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X