stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ex Provincia di Messina, la vertenza nelle mani del governo Conte
DA GDS IN EDICOLA

Ex Provincia di Messina, la vertenza nelle mani del governo Conte

Sarà Roma a occuparsi di salvare l’ex Provincia, nel frattempo la Regione farà la sua parte erogando i contributi necessari ad andare avanti. Ieri a Palermo anche gli impiegati legati a Fp Cgil, Cisl, Uil, Csa e Cisal hanno tenuto un sit-in per sollecitare la politica a fare qualcosa.

A Messina i dipendenti sono stati messi in ferie forzate dal sindaco Cateno De Luca. Alla Camera sarà in discussione il decreto sul prelievo forzoso dello Stato per aumentare i contributi alle Città Metropolitane con primo firmatario Nino Germanà.

Il sindaco De Luca mentre i sindacati si sono dichiarati parzialmente soddisfatti ha detto: "Se il presidente di Anci Sicilia Leoluca Orlando vuole giocare una partita per salvare alcune ex Province e affossarne altre è meglio che si dimetta subito, abbiamo consegnato all’onorevole Matilde Siracusano ed alla senatrice Urania Papateu la soluzione legislativa concordata con il sottosegretario dell’Economia Alessio Villarosa, persona squisita e competente, che salva tutte le ex province siciliane. Chiedo a tutti i parlamentari siciliani che siedono a Roma di pretendere dal Governo Nazionale un decreto enti locali di urgenza oppure un emendamento al decreto in discussione al senato su quota cento e reddito di cittadinanza".

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X