POLICLINICO

Tragedia a Messina, morti due gemellini neonati: aperta un'inchiesta

Messina, Cronaca
Policlinico di Messina

Tragedia a Messina: due gemellini neonati sono morti a distanza di pochi giorni l'uno dall'altro, per cause ancora da accertare. Sul caso è stata aperta un'inchiesta.

I piccoli, un maschietto e una femminuccia nati all'ospedale San Vincenzo di Taormina da una coppia di giovani genitori di Riposto, sono morti al Policlinico di Messina. Come riporta la Gazzetta del Sud, la bimba si è spenta il 9 settembre, poi, a distanza di quattro giorni, stessa tragica sorte è toccata al fratellino, deceduto il 13 settembre.

Al momento tra le ipotesi più accreditate, c'è quella di una violentissima infezione. Intanto, l'autorità giudiziaria competente ha disposto ulteriori accertamenti clinici specialistici. Sotto la lente d'ingrandimento i due reparti in cui i fratellini sono stati ricoverati.

Arriva intanto la replica del Policlinico: "Alla luce delle notizie diffuse negli ultimi giorni  relativamente al decesso di due neonati gemelli avvenuto presso l’Unità di Terapia Intensiva Neonatale di questa Azienda ospedaliera universitaria - nell’esprimere il cordoglio per i familiari dei due bimbi - si sottolinea, a beneficio di una corretta informazione, che i due gemellini trasferiti a distanza di circa dodici ore l’uno dall’altro da un altro nosocomio, avevano entrambi uno stato patologico che rappresentava  l’evoluzione più grave, con coinvolgimento dell'intero organismo, di un’infezione. Appare di tutta evidenza, quindi, che entrambi  i neonati avevano contratto altrove l’infezione, prima di giungere nella nostra Azienda. a evidenziato, inoltre, che la nostra A.O.U. rappresenta un centro di riferimento  per la terapia intensiva neonatale, in cui afferiscono neonati provenienti, oltre che dai punti nascita, anche da altre  Unità di Terapia Intensiva Neonatale di Messina e  provincia al fine di poter offrire, come centro di eccellenza, il massimo grado di intensità di cure ed il più avanzato supporto tecnologico per i neonati più critici, a maggiore complessità assistenziale, e purtroppo con prognosi spesso infausta".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X