DA GDS IN EDICOLA

Messina, resta in carcere il presunto "untore" dell'Aids

Il presunto "untore" messinese arrestato dai carabinieri lunedì scorso con l'accusa di aver trasmesso il virus dell'Aids e portato alla morte l'ex compagna, resta in carcere. Il 55enne L. D. D., 55 anni, accusato di omicidio e lesioni gravissime, si è avvalso della facoltà di non rispondere davanti al gip.

Si indaga, così come riporta Francesca Alascia in un articolo del Giornale di Sicilia in edicola, sul ruolo dei due medici che avrebbero sottovalutato i sintomi della donna.

Dall'inchiesta è emerso che l'uomo sapeva di essere affetto da Hiv. La sua prima moglie è morta di Aids e il 55enne avrebbe contagiato almeno altre 4 donne.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X