stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus, un medico: "A Lipari odissea per trovare bombola d'ossigeno. Così ho salvato una donna"
IL RACCONTO

Coronavirus, un medico: "A Lipari odissea per trovare bombola d'ossigeno. Così ho salvato una donna"

"A Lipari mancano le bombole d’ossigeno nelle farmacie. Ho fatto pazzie per salvare una donna". La denuncia è di Nino Grillo, medico del 118 e segretario provinciale di Messina del sindacato Snami.

"Sabato scorso ho soccorso una signora Covid positiva, in isolamento domiciliare, che poteva essere seguita in casa con una bombola - racconta Grillo -. Ho fatto salti mortali per averne una dalle riserve dell’ospedale, ma quando ieri all’ora di pranzo è finita la bombola, non mi hanno dato la seconda".

"A questo punto - prosegue il medico - ho contattato 118, pronto soccorso e carabinieri, dopo che mi era stato detto da una collega che non poteva esserne consegnata un’altra, visto il divieto del responsabile del pronto soccorso. Così ho trasportato la signora in ospedale, sull'unica ambulanza in servizio, ma una volta giunto nel presidio la stessa stessa dottoressa mi ha detto che non poteva accettarla perché Covid positiva e che quell'ospedale non era centro Covid, invitandomi a gestire in autonomia la paziente".

"Ho chiamato la centrale 118 - prosegue Grillo - e ho appreso che la paziente non poteva essere elitrasportata perché le sue condizioni erano compatibili con la terapia in casa. Nell’impasse, i parenti hanno chiamato i carabinieri, arrivati subito, e così punto la dottoressa ha aperto la cosiddetta 'area grigia' dell’ospedale, dove la paziente è stata assistita". Ieri sera la donna è stata trasferita a bordo dell’elisoccorso nel nosocomio di Barcellona Pozzo di Gotto. ANSA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X