stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Turismo, boom di vacanzieri nelle Eolie ma è allarme rifiuti: i disagi a Lipari
LE ISOLE

Turismo, boom di vacanzieri nelle Eolie ma è allarme rifiuti: i disagi a Lipari

A metà luglio alle Eolie è già boom turistico. I mezzi di collegamenti marittimi da e per le sette isole viaggiano quasi sempre pieni e da e per Napoli sul traghetto «Laurana» della Siremar vengono anche effettuati vaccini e tamponi su disposizione della gestione commissariale di Messina diretta da Alberto Firenze.

I pontili galleggianti sono pieni anche con mega yacht, così come le strutture turistiche alberghiere.

Trovare un posto letto è diventato una impresa. Sul Corso principale c'è una vera e propria invasione di vacanzieri. Anche i locali - bar, ristoranti e boutique - lavorano a pieno ritmo. Affollate anche le spiagge. I vaporetti carichi di escursionisti lavorano a pieno regime soprattutto per le isole di Stromboli, Panarea, Vulcano e Lipari. E finalmente l'economia isolana ne trae beneficio.

Le previsioni degli operatori turistici ovviamente sono positive per agosto e varianti Covid permettendo anche per settembre e ottobre. Con il green pass prevista anche una invasione di turisti stranieri che comunque hanno ripreso a frequentare l’arcipelago.

Soddisfatta la giunta comunale perché grazie all’invasione dei vacanzieri saranno rimpinguate le casse con il contributo del ticket per sbarcare di 5 euro.

La piaga del momento è però quella dei rifiuti. Il servizio «porta a porta» partito a giugno si è rivelato un «boomerang». Lipari è piena di rifiuti in centro e in periferia e non è un caso che la giunta guidata da Marco Giorgianni sta valutando di rescindere il contratto con la società Loveral di Patti che si è aggiudicata l’appalto per sette anni a circa un milione e mezzo di euro per 12 mesi.

Complessivamente il costo dei rifiuti nelle sei isole del Comune di Lipari è di circa 7 milioni di euro l'anno tra ditte che dovrebbero spazzare e smaltire, trasporto con camion con l’Eolian Service di Canneto e dei fratelli Saccà di Barcellona, la discarica di Catania affidata alla Sicula Trasporti e alla Green Fleet di Messina che li trasporta con traghetto».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X