NEL MESSINESE

Scuola internazionale per lo studio delle mummie a Santa Lucia del Mela

SANTA LUCIA DEL MELA. Vengono soprattutto dagli Stati Uniti per studiare le mummie con i parametri e le tecniche di una scienza che ne comprende tante altre. Per due settimane docenti e allievi si ritroveranno nel convento dei cappuccini di Santa Lucia del Mela, un paese dell'entroterra tirrenico della provincia di Messina, che dal 23 luglio al 6 agosto ospiterà la prima scuola internazionale estiva di studi sulle mummie.

Il corso di alta formazione Msfs («Mummy studies field school») è coordinato da Dario Piombino-Mascali, paleoantropologo di Messina e dell'università lituana di Vilnius, e nasce da una collaborazione con lo scienziato forense Karl Reinhard dell'università del Nebraska che è uno dei sei docenti della scuola. Gli altri sono un genetista esperto del Dna antico, un'entomologa, una parassitologa e un'esperta di ricostruzione facciale. L'approccio multidisciplinare consentirà di studiare le mummie per ricostruire culture, credenze, stili di vita del passato ma anche condizioni sanitarie e cause di morte dei gruppi umani più diversi.

Il progetto è stato sostenuto dall'università del Nebraska ma anche dalla Curia di Messina che ha messo a disposizione, come sede della scuola, il convento di Santa Lucia del Mela, un luogo di rara bellezza che domina capo Milazzo e che ospita una trentina di mummie tra cui il corpo incorrotto del beato Antonio Franco. Per scienziati e allievi la cripta del convento offre l'opportunità di uno studio «sul campo». Ma è previsto uno stage presso le catacombe dei cappuccini di Palermo che dispone della più grande varietà di tipologie di mummie (quasi tremila) e di tecniche di trattamento e di conservazione dei corpi.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X