stampa
Dimensione testo
IN CASO DI SFRATTO

Capo d'Orlando, la fondazione Piccolo offre una cappella per la salma di Montale

Se dovesse essere sfrattata da Firenze, per la salma di Eugenio Montale è pronto un posto nella cappella gentilizia della famiglia Piccolo di Calanovella, nel cimitero di Capo d’Orlando. La proposta della traslazione in Sicilia delle spoglie del poeta e della moglie Drusilla Tanzi viene dal presidente della Fondazione Piccolo, Andrea Pruiti Ciarello. Destinatari sono Bianca Montale, nipote ed erede universale del poeta, e il sindaco di Firenze.

Il caso nasce dalla scadenza della concessione nel cimitero fiorentino di San Felice a Ema che da otto anni non viene rinnovata.  Pruiti Ciarello spiega perché la sua Fondazione propone una sepoltura per Montale. Era stato proprio lui nel 1954 a consacrare Lucio Piccolo come uno dei maggiori poeti del Novecento in occasione del premio nazionale di poesia di San Pellegrino.

«La Fondazione Piccolo di Calanovella - dice il presidente -  intende suggellare il legame di reciproca stima tra il poeta ligure e quello siciliano. Le salme di Montale e della moglie riposerebbero nella cappella gentilizia, che accoglie già le spoglie della principessa Teresa Mastrogiovanni Tasca Filangeri di Cutò, del barone Casimiro Piccolo di Calanovella, del poeta Lucio e della sorella botanica Agata Giovanna, nonché quelle di Bent Parodi di Belsito, storico presidente della Fondazione».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X