stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Tassa di soggiorno a Patti? Unanime coro di «no»
COMUNE

Tassa di soggiorno a Patti? Unanime coro di «no»

di

PATTI. «Se viene istituita la tassa di soggiorno, putemu chiudire». Questa frase, con il concetto portante espresso tipicamente in dialetto siciliano, pronunciata dal fondatore di uno dei ritrovi, "Senza Regole", maggiormente attenzionati della stazione turistica di Marina, Rocco Ceraolo, racchiude in maniera eloquente, la netta avversione verso questa ipotesi, peraltro condivisa, anche da parte, degli albergatori, titolari di camping e di altre strutture balneari.

Infatti ad acuire maggiormente, questo ostracismo, ecco in rapida successione, i pareri dei diretti interessati, incominciando da Nanni Greco, titola re del "Camping Marinello", adiacente presso gli omonimi laghetti, che con la sua struttura contribuisce a raggiungere complessivamente circa 60 mila presenza annuali, ovvero il 50% dell' intero flusso turistico. «Già siamo in un periodo di crisi del turismo non indifferente, in quanto gli italiani sono diminuiti notevolmente, anzi quasi scomparsi. Rimangono, per fortuna gli stranieri, provenienti, dalla Francia, Olanda, Germania, Austria e paesi scandinavi, che tra l' altro sono molto attenti e parsimoniosi, soffermandosi spesso anche sul centesimo, prima di spendere i loro soldi.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI MESSINA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X