stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Lipari, aumento tassa di sbarco: no di Federalberghi
IL CASO

Lipari, aumento tassa di sbarco: no di Federalberghi

di

LIPARI. In consiglio comunale polemiche roventi sui 5 milioni e 600 mila euro che si spendono per il servizio dei rifiuti con la differenziata che non decolla, tanto che si è anche a rischio commissariamento. Gli albergatori hanno anche fatto pervenire una nota per contestare l' aumento della tassa di sbarco a 5 euro.

Il presidente della federalberghi Christian Del Bono, in una nota inviata alla Giunta ed al Consiglio, aveva richiesto di «di limitare il periodo di aumento del costo di sbarco a 5 euro ai soli mesi di luglio e agosto, mantenendolo a 2,50 per gli altri mesi. In subordine prevedere che i gruppi organizzati possano essere esentati dall' aumento a 5 euro per tutti i mesi, ad esclusione di quelli di luglio e agosto.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI MESSINA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X