stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Genovese alla convention di Fi: "Una scelta di idee". Accorinti ora rischia la sfiducia
MESSINA

Genovese alla convention di Fi: "Una scelta di idee". Accorinti ora rischia la sfiducia

MESSINA. "Il passaggio mio e del mio gruppo a Forza Italia parte da un legame forte che è quello dell'amicizia e del rapporto umano assolutamente straordinari". Così Francantonio Genovese, parlamentare eletto nel Pd e passato a FI, alla sua prima uscita pubblica in una convention degli azzurri a Messina dove è intervenuto insieme ai consiglieri del Pd, facenti capo al suo gruppo, passati anche loro a Forza Italia. Alla convention è presente anche il commissario degli azzurri in Sicilia Gianfranco Miccichè: "E' una festa e siamo felici che Genovese faccia parte di questa famiglia, la casa dei moderati. Da Messina ripartirà il centrodestra che vincerà le elezioni regionali e amminastrative". "La mia - prosegue Genovese - è una scelta di idee non di potere, una scelta convinta nel solco di un cammino iniziato nella Democrazia cristiana".

La giunta di Messina guidata da Renato Accorinti, dopo il passaggio a Forza Italia di 10 consiglieri del Pd su 13, rischia di non avere più sostegno e qualcuno parla di imminente sfiducia. "Non è una dinamica che va sviluppata adesso e comunque sono i consiglieri che dovranno decidere", dice Genovese, che arrivato all'Hotel Royal dove si svolge la convention azzurra è stato salutato dagli applausi da centinaia di persone e da cori da stadio. Genovese è tutt'ora indagato nell'inchiesta sui cosiddetti "Corsi d'oro" della formazione professionale, e su di lui pende la misura cautelare dell'obbligo di dimora a Messina, dopo un anno di reclusione tra carcere e domiciliari. Il parlamentare è stato uno dei fondatori del Pd e primo segretario regionale del partito.

"Non voglio giudicare nessuno, ma quello che è successo con il trasferimento in blocco dei consiglieri comunali di Messina dal Pd a Forza Italia, al seguito di Genovese, fa impressione". Lo dice il sindaco di Messina Renato Accorinti, pacifista eletto in una lista civica dopo aver sfidato al ballottaggio un candidato del Pd. Dieci consiglieri dem su 13, dopo la decisione di Francantonio Genovese di abbandonare il Partito democratico per transitare in Forza Italia, l'hanno seguito, come hanno fatto decine di consiglieri circoscrizionali. "Uno comanda - prosegue Accorinti - e gli altri ubbidiscono, e questo mi preoccupa seriamente. Così non può mai esserci un progetto legato al cambiamento reale delle cose. Il giorno prima Fi era il nemico ora è il loro partito preferito. Tutto ciò è molto grave". (ANSA).

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X