stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Sulla Vespa "anfibia" per attraversare lo Stretto di Messina

Sulla Vespa "anfibia" per attraversare lo Stretto di Messina

di
vespa anfibia, Francesco Foti, Messina, Società
Francesco Foti e la Vespa anfibia

MESSINA. Dalle Vacanze Romane alle vacanze sullo Stretto. Si poteva girare pure il remake dello storico film ieri tra Sicilia e Calabria. La Vespa ha raggiunto il Continente via mare tra la punta messinese di Torre Faro e la calabrese Cannitello.

Con una Vespa anfibia, si tratta del primo modello in Italia e del secondo in Europa dopo l’attraversamento del Canale della Manica nel 1952 con un mezzo più antico ma simile nel genere, lo storico mezzo a due ruote ha conquistato i 3 chilometri e trecento metri che separano le due regioni nel punto più vicino tra le coste che si guardano a specchio.

La Vespa ha galleggiato poggiata su un paio di kayak mentre una catena cinematica ha permesso di far muovere l’elica che ha fatto da motore alla Vespa: l’idea è del docente di Meccanica e Macchine all’Istituto Nautico Fermi di Bagnara Francesco Foti.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X