Il Comune a rischio default: l’allarme dei revisori dei conti

Il consuntivo 2011 lascia pochi dubbi: Palazzo Zanca è strutturalmente deficitario. Cinque dei parametri presi in esame sono negativi
Messina, Archivio

MESSINA. Palazzo Zanca verso il fallimento. I timori manifestati dallo stesso commissario Croce erano più che fondati. La relazione dei revisori dei conti, anticipata qualche settimana fa da una lettera di richiamo ufficiale dello stesso tenore della relazione della Corte dei conti, fa temere il peggio. In pratica l'ente, è già da oggi nella condizione di ente strutturalmente deficitario. Il Comune è a un passo dal dissesto finanziario.
Cinque dei parametri presi in considerazione dai revisori per l'esame del conto consuntivo 2011 sono negativi. Ciò basta a fare considerare palazzo Zanca ente strutturalmente deficitario. Una condizione che rappresenta l'anticamera del dissesto. Questo emerge dalla relazione dei revisori dei conti consegnata al commissario straordinario Luigi Croce e al presidente del Consiglio comunale.
Gli uffici di ragioneria sembra che siano comunque pronti a contestare alcuni aspetti della questione. Ma nella relazione ci sono elementi preoccupanti: si va dai 54 milioni di debiti fuori bilancio ai pignoramenti per oltre tre milioni, al già noto sforamento del patto di stabilità per 28 milioni.
Il Comune ha poi fatto ricorso sistematico, non avendo liquidità alle anticipazioni di cassa, cioè ai prestiti elargiti dalla banca che svolge il servizio di tesoreria: 36 milioni di euro al 31 dicembre. Riflettori puntati anche sulle spese di rappresentanza: 68 mila euro nel 2011. Molte secondo i revisori non sarebbero giustificabili.
Tra le tante cose contestate c'è il mancato introito di somme dovute. Per i cosiddetti servizi non obbligatori (asili nido, scuola bus) vengono incassati un milione e ne vengono spesi ben quindici. Viene incassato appena il sei per cento quando si dovrebbe incassare il 36 per cento delle spese.

Un servizio nell'edizione di Messina del Giornale di Sicilia in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X