In coma dopo l'operazione, muore in ospedale: aperta un'inchiesta

Maria Mancuso, di 73 anni, è deceduta sabato scorso al Papardo di Messina. La donna era stata operata per una frattura al femore 45 giorni prima al nosocomio di Sant'Agata di Militello
Messina, Cronaca

MESSINA. La Procura di Messina ha aperto un'inchiesta sulla morte di una donna di 73 anni, Maria Mancuso, deceduta sabato scorso al Papardo di Messina dove era ricoverata
in stato di coma. La donna era stata operata per una frattura al femore al nosocomio di S.Agata di Militello 45 giorni prima, ma poi non si era più risvegliata.
Il marito ritiene che ci siano responsabilità da parte dei medici di S.Agata di Militello.
Nella denuncia si legge che lo scorso 22 agosto, dopo una caduta in giardino e il successivo ricovero, "il primario di ortopedia Sabatino Carianni ha voluto per forza operare la donna inserendole una protesi all'anca nonostante la modesta frattura del femore".
Entrata in coma e non essendoci la rianimazione a Sant'Agata di Militello, è stata trasferita al reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Patti e, dopo nove giorni, per l'insistenza dei familiari, è stata trasportata al reparto di Neurologia del Papardo di Messina. Qui i medici non hanno potuto fare più nulla.
Carianni, primario di Ortopedia degli ospedali di Patti e Sant'Agata di Militello, insieme a due imprenditori catanesi, in passato era stato arrestato perché accusato di aver organizzato
forniture anomale all'Azienda sanitaria.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook