"Il carcere di Gazzi scoppia", sit-in di penalisti e sindacati

Dietro le sbarre in 327 contro una capienza di 173. "La carenza di personale ed un sistema giudiziario senza fondi - scrivono gli avvocati della Camera penale - aggrava ancora i problemi della popolazione carceraria"
Messina, Archivio

MESSINA. Nel carcere di Gazzi si trovano 327 detenuti a fronte di una capienza di 173 unità. La freddezza dei numeri rende chiara la situazione della casa circondariale di via Consolare Valeria stretta da un sovraffollamento della popolazione carceraria che rende la situazione al limite del collasso. Per denunciare questa situazione e chiedere interventi urgenti, gli avvocati penalisti messinesi della Camera penale "Pisani" hanno aderito all'iniziativa, indetta in tutta Italia, dall'Unione nazionale delle Camere Penali per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla situazione delle carceri.

I penalisti messinesi hanno osservato un minuto di silenzio, quindi hanno inscenato un sit-in davanti al carcere di Gazzi e davanti a Palazzo di Giustizia per esprimere solidarietà ai detenuti per le carenze del carcere. "La carenza di personale ed un sistema giudiziario senza fondi - scrivono gli avvocati della Camera penale - aggrava ancora di più i problemi della popolazione carceraria. Le misure alternative alla detenzione, anche sotto il profilo della sicurezza dei cittadini, costituiscono una garanzia maggiore, ma purtroppo assistiamo ad una politica tesa alla riduzione drastica della predetta soluzione".

Inoltre, i penalisti ricordano che la maggior parte della popolazione carceraria è costituita da persone in attesa di giudizio: "Un uso migliore e più adeguato delle misure cautelari - sostengono i penalisti - consentirebbe di per sè una maggiore legalità della pena a vantaggio dei detenuti a regime definitivo". La situazione nella casa circondariale di via Consolare Valeria è stata al centro anche di proteste da parte dei sindacati della polizia penitenziaria che hanno messo in evidenza anche la carenza di agenti. Il personale è infatti in un numero insufficiente per poter rispondere alle esigenze di una struttura come quella di Gazzi. LE.BA.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X