Palpeggiava dipendente: condannato direttore di call center

Cinque anni e due mesi per violenza sessuale ed estorsione inflitti ad Antonio Alibrandi, 53 anni. E' stata la donna a denunciare tutto alle forze dell'ordine: non veniva pagata perchè si rifiutava di avere rapporti con lui
Messina, Archivio

MESSINA. Il tribunale di Messina ha condannato Antonio Alibrandi, 53 anni, titolare di un call
center, a 5 anni e due mesi di reclusione per violenza sessuale ed estorsione. L'uomo secondo l'accusa avrebbe costretto una sua ex dipendente, a subire atti sessuali consistenti in baci e palpeggiamenti dei glutei, del seno, delle gambe e delle parti intime. Visto che la giovane si ribellava l'ex datore di lavoro non avrebbe dato alla ragazza i soldi che le doveva spiegandole che il motivo era il suo rifiuto ad avere rapporti sessuali con lui. La donna ha denunciato tutto alle forze dell'ordine.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook