Comune di Messina, festa per tre ex precari Poi saranno stabilizzati altri 38 disabili

Messina, Archivio

MESSINA. Fine anno da ricordare, dopo tanti anni di attesa, per tre precari che verranno stabilizzati dal Comune. La giunta Accorinti, su proposta dell'assessore al Contenzioso, Nino Mantineo, ha approvato l'integrazione della delibera n. 939 del 26 luglio 2011 che vedrà finalmente ottenere un contratto di diritto privato quinquennale part-time a 24 ore a Giorgia Finocchiaro, Antonella Paonessa, anche per quest'ultima contratto di diritto privato quinquennale part-time a 24 ore e Gaetano Saja che vedrà un contratto a tempo pieno e indeterminato categoria A posizione economica A1.
Si legge nel testo di "Dare atto che non si effettua alcuna procedura selettiva in quanto la misura di stabilizzazione risulta rivolta agli unici tre soggetti aventi titolo, di cui Gaetano Saja risulta iscritto agli elenchi tenuti presso il Centro per l'Impiego". Verificati tutti gli adempimenti c'è stato l'ok di Palazzo Zanca affinché dalle attività socialmente utili pagate dalla Regione si sia arrivati anche per loro ai contratti stabili. Il provvedimento è stato trasmesso all'assessorato regionale al Lavoro. L'amministrazione comunale contribuirà per la sua parte economica, l'altra è a carico della Regione, all'assunzione ma successivamente alla determine della Regione e ai provvedimenti dell'assessorato regionale al Lavoro.
In più c'è che il sindaco Renato Accorinti ha dichiarato che per il Comune sussiste a oggi l'obbligo di assumere soggetti disabili nella misura di 38 unità lavorative secondo la delibera di giunta municipale del 13 dicembre 2013. Saranno dunque assunti, secondo le norme sul diritto al lavoro dei disabili, le seguenti figure professionali: 6 addetti alla sorveglianza, 20 operatori addetti custodi cimiteriali rurali, 8 ausiliari addetti alla custodia, 4 operatori addetti custodi cimiteri rurali.
Il 13 dicembre scorso la giunta municipale aveva modificato le delibere dell'agosto 2012 e del maggio 2013 dell'ex amministrazione Buzzanca e dell'allora commissario Luigi Croce sul piano assunzioni 2013-2014-2015. I tre precari, nonostante le prime direttive della giunta Buzzanca fossero favorevoli alla loro assunzione, erano ancora rimasti fuori in attesa che si completasse l'iter burocratico.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X