CRIMINALITA'

Attentati e incendi a Capo d'Orlando, cresce la paura a Caia Ferro

di
La contrada nel mirino, l’ultima azione ieri all’alba: hanno dato fuoco a due contenitori dei rifiuti danneggiando una tabaccheria e bruciando i cavi telefonici

CAPO D'ORLANDO. Danni ad una piccola attività commerciale, alla facciata della casa che la ospita, black out telefonico per i danni riportati al palo su cui passano i cavi della Telecom e soprattutto timori per quello che sembra essere un “nemico oscuro” che da quasi un anno sembra aver preso di mira la contrada. La zona è quella di Caria Ferro, poche decine di case attraversate da una stradina che separa i territori di Capo d’Orlando e Naso, dove vivono una cinquantina di persone. Una piccola comunità che ieri mattina ha immediatamente portato la sua solidarietà ai titolari della rivendita di tabacchi “Galati” per l’episodio che si è verificato nella notte e sul quale indaga la Polizia. Tra le 3 e le 6 del mattino qualcuno ha dato fuoco a due contenitori per l’immondizia che erano stati lasciati fuori in modo che all’alba gli operai della raccolta potessero svuotarli. Il primo si trovava sotto la tenda parasole che stata attaccata dalle fiamme ed è andata completamente distrutta annerendo una porzione della facciata e la saracinesca dell’esercizio commerciale. L’altro contenitore, invece, bruciando completamente, ha danneggiato i cavi telefonici lasciando senza linea l’intera contrada.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X