COMUNE

Stabilizzazione dei precari a Messina, Accorinti: "Così ci penalizzano"

di

MESSINA. Chi stabilizzerà negli enti locali precari nell'anno in corso avrà più contributi economici dalla Regione.  Non ci sta il sindaco Renato Accorinti che nel 2015 ha completato un primo programma di stabilizzazione, ha trasmesso una lettera al presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta e alla deputazione messinese all'Ars. «Ho appreso, da organi di stampa, che lo scorso 21 dicembre la Giunta di Governo ha approvato importanti disposizioni normative in materia di stabilizzazione del personale precario, in servizio negli enti locali della Regione Siciliana - scrive Accorinti - si apprende che le disposizioni normative sembrano garantire nello specifico un contributo finanziario decennale agli enti che attueranno le assunzioni di personale precario a decorrere dal 2016».

Accorinti punta l'indice contro l'attuale impostazione della normativa regionale che escluderebbe dai benefici finanziari, stanziati dalla Regione, gli enti locali virtuosi, e in particolare il Comune capoluogo, che hanno avviato le assunzioni a tempo indeterminato del personale precario già entro il 2015 secondo la legge 125 del 2013 e la legge regionale 5 del 2014.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X