COMUNE

Messina, manca il bilancio consuntivo: tutto bloccato

di

MESSINA. Palazzo Zanca non riesce a venire a capo del bilancio preventivo: vara tre versioni del documento in soli due mesi e le cooperative che svolgono servizi per conto dell’amministrazione vanno sul lastrico.  I pagamenti di cooperative e fornitori esterni, sono paralizzati. Fermi le fatture dei cosiddetti servizi a domanda individuale:dalle mense scolastiche ai centri di aggregazione giovanile, agli asili. E sino alla fine del mese sarà notte fonda.

C’è chi vanta un credito nei confronti del Comune cospicuo: da cinquecentomila euro a un milione. Sino alla fine di febbraio sarà quasi materialmente impossibile che vengano saldate le fatture. I pagamenti delle cooperative sono fermi a settembre. In gioco ci sono gli stipendi di circa 700 lavoratori: quelli del pianeta servizi sociali e delle mense. C’è da dire che alcune delle cooperative, avendone le possibilità, e facendo i salti mortali impegnandosi con le banche, hanno pagato gli stipendi sino a dicembre. Altre sono ferme ad ottobre.  Una situazione che rischia di esplodere. Il motivo del blocco è presto detto.  Manca il bilancio preventivo 2015.

E così si agisce soltanto con i pagamenti delle spese urgenti ed indifferibili: quelle che potrebbero causare un danno erariale. Palazzo Zanca, in pratica, è alle prese da oltre un mese con il bilancio preventivo 2015 che si doveva approvare molto prima.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X