COMUNE

Messina, perde quota l’ipotesi di una sfiducia al sindaco

di

MESSINA. Iniziano a ridursi i consiglieri comunali che firmeranno la mozione di sfiducia contro il sindaco Accorinti. Ieri gli esponenti del gruppo misto, ex Accorintiani, Nina Lo Presti e Luigi Sturniolo, hanno annunciato che non firmeranno l'atto anche se in caso di presentazione valuteranno il da farsi in aula.

«Non firmiamo l'atto perché è proposto dagli stessi partiti che hanno tenuto a galla in questi quasi tre anni la giunta Accorinti - ha affermato Sturniolo - sono sempre quelli che hanno votato tutti i bilanci, il loro è un tentativo di ricollocazione politica e noi non stiamo a seguire queste manovre che non c'interessano, è innegabile che l'amministrazione Accorinti è già sfiduciata di suo, che il percorso è finito da tempo, valuteremo con quelle componenti che si riconoscono nella bocciatura della giunta il da farsi». Intanto dal fronte Megafono pare che ci sia voglia di proporre le dimissioni di massa, comprese quelle del Consiglio.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X