IL CASO

Il delitto di Savoca: è mistero sul movente

di

SAVOCA. Hanno seguito il segnale del telefono cellulare. Un trasmettitore è riuscito ad agganciare la cella concentrando le ricerche nelle campagne di Savoca, comune arroccato sopra un colle nella zona jonica di Messina.

E’ stato il segnale del telefono cellulare a condurre fino al dirupo dove sabato pomeriggio è stato trovato il cadavere di Roberto Scipilliti, 55 anni, il vigile del fuoco scomparso da Roccalumera. Una fine terribile, come ha svelato l’autopsia che ha confermato quelli che erano i primi sospetti degli investigatori: si tratta di un omicidio. Scipilliti come è emerso dall’autopsia, è morto raggiunto da un proiettile alla nuca.

Un solo colpo di pistola, forse di piccolo calibro. Non è chiaro se è stato fatto inginocchiare prima di essere ucciso, come si fa nelle più spietate esecuzioni. Sembra ormai certo che il proiettile è entrato ed uscito, ma non è stato trovato dai carabinieri che hanno battuto palmo a palmo tutta la zona alla ricerca di un’ogiva di qualche altro reperto.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X