DISCUSSIONE IN CONSIGLIO

Sfiducia al sindaco Accorinti, oggi è il "giorno del giudizio"

di
Renato Accorinti, Messina, Politica

MESSINA. E’ il giorno politico probabilmente più importante dall’inizio del mandato del sindaco Accorinti. Oggi, dalle 17, il Consiglio comunale inizierà a dibattere per poi votare, si profila la notte, la mozione di sfiducia presentata da diciassette consiglieri comunali, ne servivano sedici di firme per proporre l’atto all’aula.

A chiedere che vadano tutti a elezioni nel giro di pochi mesi (in caso di esito favorevole della mozione termineranno la loro attività sindaco, giunta, consiglio comunale e i sei consigli di Quartiere) sono Mario Rizzo, Franco Mondello, Libero Gioveni, Mariella Perrone, Andrea Consolo (Centristi per la Sicilia), Daniela Faranda, Nicola Crisafi, Nicola Cucinotta (Ncd), Daniele Zuccarello (gruppo misto), Giuseppe Trischitta, Giovanna Crifò, Emilia Barrile, (Forza Italia), Giuseppe Santalco, Nora Scuderi e Carlo Cantali (Felice per Messina), Donatella Sindoni (Grande Sud), Antonella Russo (Pd).

In consiglio comunale dovrebbero dire sì alla sfiducia anche altri due del Pd, Claudio Cardile e Gaetano Gennaro, e Fabrizio Sottile di Forza Italia. Hanno già ribadito il proprio no alla mozione i consiglieri di Cambiamo Messina al Basso vicini al sindaco, Lucy Fenech, Ivana Risitano, Maurizio Rella, Cecilia Caccamo, e Angelo Burrascano del Megafono.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Messina: i più cliccati