Allevatori arrestati a Cesarò: così sono state scoperte le armi

I carabinieri di Nicosia e dello squadrone eliportato cacciatori Sicilia hanno battuto palmo a palmo l'area dei Nebrodi a nord della provincia di Enna e al confine con il Messinese.

Sono stati scoperti così in contrada Monte Acuto a Cesarò in una cavità di un muro a secco tre fucili calibro 22 realizzati artigianalmente, un fucile da caccia calibro 16 e centinaia di cartucce. Sono stati arrestati due fratelli allevatori di Tortorici, Leonardo e Aurelio Galati Rando, di 34 e 35 anni.

La Procura di Enna li ritiene responsabili in concorso del reato di ricettazione e detenzione illegale di arma e munizionamento. I due sono stati portati nel carcere catanese di Piazza Lanza.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X