stampa
Dimensione testo
MESSINAMBIENTE

Messina, le strade coperte dall'immondizia: via ai controlli

di

MESSINA. Entro 48 ore un vertice per capire quanti rifiuti giacciano ancora accanto ai cassonetti e per organizzare al meglio la società sino a che le competenze che riguardano la raccolta dei rifiuti non passino all'Azienda Meridionale Acque. Ad annunciarlo, il neo commissario liquidatore di Messinambiente Giovanni Calabrò ex direttore di confesercenti che, ieri mattina, ha praticamente effettuato il suo primo giorno di lavoro E intanto, per la discarica di Motta Sant'Anastasia, utilizzata da Messinambiente, c'è la proroga sino al 10 agosto.

E a sorpresa, per l'impianto di biostabilizzazione di Pace, bocciato dal ministero dell'ambiente, spuntano nuove prospettive e viene ancora inserito tra gli impianti dell'isola nel cronoprogramma del dipartimento acque e rifiuti della Regione siciliana. Non sarà facile per Giovanni Calabrò, neo commissario liquidatore subentrato ad Alessio Ciacci, raddrizzare una situazione che appare difficile. Ma intanto, all'orizzonte, spuntano diverse novità. Ma andiamo per ordine. Nei giorni scorsi, presso la sede in via Dogali, si è svolta l'Assemblea dei Soci di Messinambiente.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X