Lite in sala parto a Messina, un medico: "Impossibilitato ad intervenire"

MESSINA. Udienza a Messina del processo che vede imputati il ginecologo del Policlinico Vincenzo Benedetto, l'allora assegnista di ricerca Antonio De Vivo e l'ostetrica Franca Grisafi, nell'ambito dell'inchiesta relativa alla lite in sala parto tra due medici, il 28 agosto 2010.

Gli indagati sono accusati di lesioni e falso. Una puerpera, Laura Salpietro, era in attesa di partorire quando tra i due medici scoppiò una lite che secondo i familiari fece ritardare l'intervento dei sanitari provocando danni alla donna (le fu asportato l'utero) e al piccolo, nato con lesioni cerebrali. A denunciare tutto ai carabinieri fu Matteo Molonia, padre del bambino.

Durante l'udienza è stato sentito Benedetto, che ha affermato di non avere responsabilità sul ritardo in quanto il primario lo avrebbe congedato dal turno prima delle 8.20, non dandogli la possiblità di intervenire sulla paziente. Il 17 febbraio saranno ascoltati i consulenti di entrambe le parti. In precedenza erano stati sentiti i tecnici della Procura che hanno dimostrato come le condizioni della donna prima dei fatti avvenuti al Policlinico erano buone e il percorso del parto era regolare; e sottolineato come i ritardi dei sanitari abbiano aggravato le condizioni della signora. L'udienza è stata rinviata al prossimo 27 marzo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X