stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L'allarme della Cgil: "In provincia di Messina persi 32 mila posti in 6 anni"
CRISI

L'allarme della Cgil: "In provincia di Messina persi 32 mila posti in 6 anni"

di

MESSINA. Guiderà la Cgil in un territorio dove il rischio povertà è al 46% e negli ultimi due anni il tasso di disoccupazione è cresciuto del 6,9%, il numero più alto di tutti i comuni siciliani. Giovanni Mastroeni, da 24 ore, è il nuovo segretario generale della Camera del Lavoro della provincia messinese eletto dall’assemblea generale del sindacato all’hotel Royal dove erano presenti, tra gli altri, il responsabile organizzazione Cgil Nino Baseotto e il segretario regionale Michele Pagliaro. È stato eletto con 76 preferenze su ottanta votanti.

Mastroeni, 56 anni, sposato con Tiziana Russo e padre di tre figli, ha iniziato la propria attività in Cgil nel 1979 ricoprendo importanti incarichi: segretario della Cgil di Milazzo e di Barcellona, segretario generale provinciale della Filcea, della Fillea, della Flai, segretario generale aggiunto della Cgil provinciale e presidente del comitato direttivo della Cgil Sicilia.

Subentra a Lillo Oceano segretario della Camera del Lavoro Metropolitana dal 2009 che va a ricoprire un incarico nella struttura nazionale del sindacato. Al segretario uscente sono stati rivolti i ringraziamenti per il lavoro svolto, in anni particolari per il territorio messinese segnato da una grave crisi economica.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X