stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Una ragazza e un giocatore di basket dell'Orlandina perseguitati: scatta un arresto
RAZZISMO

Una ragazza e un giocatore di basket dell'Orlandina perseguitati: scatta un arresto

Finisce l'incubo per un giocatore della squadra di basket "Orlandina", militante nel campionato di basket di serie A2, e per una ragazza simpatizzante della stessa squadra. I due sono stati perseguitati per diverso tempo perchè il cestista ha la pelle nera e la ragazza per avere simpatie nei confronti della locale squadra di basket e quindi anche per i giocatori di colore.

Adesso un 45enne di Capo d’Orlando finito agli arresti domiciliari. Dovrà rispondere anche di propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale.

La storia ha visto coinvolti anche un secondo giocatore di basket, anch’egli di colore, e la sua compagna. Le indagini hanno evidenziato che il 45enne, dallo scorso mese di gennaio, attraverso la creazione di falsi profili su social network e tramite post pubblici su profili di altri utenti, perseguitava ossessivamente le sue vittime con continue minacce di morte, nascondendo sempre la propria identità, spingendo la ragazza e i due cestisti a rivolgersi alla polizia, denunciando i fatti.

Il 45enne istigava anche altri utenti social a commettere atti di violenza per motivi razziali ed etnici nei confronti delle persone di colore, ed è arrivato anche a minacciare di morte ai danni delle quattro vittime.

"Vi brucerei vivi", "muori negro", "sono un razzista convinto" sono solo alcune delle frasi che l’uomo aveva rivolto alle sue vittime.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X