stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lipari, nuovi appelli per salvare le cave di pomice
EOLIE

Lipari, nuovi appelli per salvare le cave di pomice

Si estende la mobilitazione di associazioni e istituzioni per salvare le cave di pomice di Lipari, dopo l'appello lanciato ieri del presidente emerito della Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco Gianni Puglisi. L'obiettivo è di farne un museo e un parco archeologico dedicati all'industria mineraria eoliana.

A sostegno della campagna intervengono oggi tre importanti associazioni: Museimpresa (oltre cento iscritti, tra grandi, medie e piccole aziende industriali e finanziarie), Federculture (l'associazione delle società culturali in prevalenza pubbliche) e Touring Club Italiano. I tre presidenti - Antonio Calabrò, Andrea Cancellato e Franco Iseppi - sollecitano un impegno del Ministero della cultura e della Regione siciliana. All'appello aderisce anche il presidente di Sicindustria Gregory Bongiorno.

L'obiettivo più urgente è quello di evitare lo smantellamento dei fabbricati e dei macchinari, dopo l'affidamento delle cave ai curatori fallimentari dell'ex società proprietaria. E varare un piano di rilancio dell'area, come memoria dell'industria e del lavoro e come esemplare attrazione turistico-culturale.

Anche l'assessore ai beni culturali della Regione siciliana, Alberto Samonà, ha espresso un primo parere favorevole all'ipotesi del museo e parco minerario.

Le Eolie sono state dichiarate "patrimonio dell'umanità" dall'Unesco nel 2000. La valorizzazione di un bene culturale prezioso come le cave di pomice rafforzerebbe, a giudizio dei promotori della campagna, questo patrimonio.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X