GLI APPUNTAMENTI

"Taobuk 2016", Roberto Vecchioni al Festival del libro di Taormina

TAORMINA.  Ancora una giornata di appuntamenti ed una serie di ospiti d'eccezione al "Taobuk - Taormina International Book Festival".

Il cantautore Roberto Vecchioni con il suo romanzo autobiografico, l'inviato Domenico Quirico, la libanese Barbara Abdeni Massaad, il giornalista e scrittore Gigi Riva, il direttore di Ang Giacomo D’Arrigo e lo chef vegano Simone Salvini, Luigi Bobba, sottosegretario Ministro del Lavoro con delega alla Gioventù, Marco Gay, presidente Giovani Imprenditori di Confindustria, sono tra gli ospiti che saranno accolti oggi dal pubblico di Taobuk Festival.

L'innovazione e le modalità di coinvolgimento dei giovani nel lavoro e nella vita politica e sociale sono i temi al centro della tavola rotonda Dialoghi sull’innovazione e l’inclusione, alla quale parteciperanno Giacomo D’Arrigo, direttore Generale Agenzia Nazionale per i Giovani, Luigi Bobba, sottosegretario Ministro del Lavoro con delega alla Gioventù, Marco Gay, presidente Giovani Imprenditori di Confindustria, e Riccardo Bonacina, direttore del mensile Vita (ore 18 – Hotel Metropole).

L’incontro sarà occasione per presentare, proprio sul tema dell’inclusione, la recente call europea vinta dall’ Agenzia Nazionale per i Giovani sul tema dell’integrazione di rifugiati e, al tempo stesso, visti i recenti dati Istat che evidenziano un calo di giovani NEET in Italia, per focalizzare l’attenzione su strumenti quali Erasmus+ finalizzati a promuovere la mobilità giovanile come occasione preziosa per le nuove generazioni sia in termini occupazionali, sia in termini di istruzione e formazione.

Roberto Vecchioni sarà a Taobuk per presentare "La vita che si ama. Storie di felicità" (Einaudi), il suo libro più intimo e autobiografico, in cui confida la sua idea di felicità, rivolgendosi ai propri figli – Francesca, Carolina, Arrigo ed Edoardo – e ripercorrendo la sua esistenza attraverso piccoli eventi del mondo privato. A lui va il Premio di Agenzia Nazionale per i Giovani (ore 20 – Piazza IX Aprile). Modera Stefania Mancuso.

Con lo chef vegetariano felice Simone Salvini, autore del libro "La mia vita in verde" (Mondadori) e reso famoso dall’imitazione del comico Maurizio Crozza, si discuterà di cucina vegetariana all'incontro Il lato verde della cucina del ciclo Food Fator curato da Clara e Gigi Padovani (ore 12 – Gourmet Restaurant 32).

Sull'esempio di John Grisham, diventato autore di best seller trasferendo nei romanzi la sua esperienza forense, il festival accoglie avvocati romanzieri che potrebbero in futuro scalare le classifiche, proprio come lo scrittore americano (ore 16 – NH Collection Hotel): Michele Salazar (Reggio Calabria), Ettore Randazzo (Siracusa), Guglielmo Pispisa (Messina), Fabio D’Anna (Marsala), Ennio Tinaglia (Palermo), Marco e Antonello Martinez (Oristano), Roberto Delogu (Cagliari). Introduce Vincenzo Ciraolo, modera Francesco Marullo di Condojanni.

Si racconta Il cibo dell'altra sponda, ovvero la cucina degli altri e della pace, con l’inviato in zone di guerra Domenico Quirico, autore del libro Esodo (Neri Pozza), e la food writer e fotografa Barbara Abdeni Massaad, autrice del libro Soup for Syria (Edt), un ricettario realizzato con il contributo di oltre ottanta chef e giornalisti gastronomici di tutto il mondo, per raccoglie fondi a favore dei rifugiati siriani tramite l'UNHCR (ore 17 – Archivio Storico). Incontro moderato da Clara e Gigi Padovani, curatori della sezione Food Factor.

Gigi Riva, insieme con Domenico Quirico, presenta L’ultimo rigore di Faruk (Sellerio), in cui analizza la disgregazione della penisola Balcanica partendo da un tiro calcistico fatale, quello sbagliato ai Mondiali di Calcio del 1990 a Firenze da Faruk Hadžibegić, capitano dell’ultima nazionale della Jugoslavia unita. La leggenda popolare vuole che una vittoria avrebbe risvegliato il nazionalismo jugoslavista e scongiurato il crollo del Paese (ore 19 – Archivio Storico).

Due le mostre che accompagnano il festival: la personale del fotografo Giuseppe Leone, Sicilia tra luce e parola, dedicata ai luoghi della letteratura italiana in Sicilia resi immortali dalle pagine dei grandi scrittori (8-30 settembre, Chiesa del Carmine); la mostra Dall’Opera al Libro, dal Libro all’Opera. Ezio Gribaudo e i maestri del Novecento (inaugurata il 19 luglio e visitabile fino al 15 ottobre a Palazzo Corvaja). Modera Stefania Mancuso.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X