stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia A Ficarra le tasse si pagheranno anche in natura
FISCO

A Ficarra le tasse si pagheranno anche in natura

di
Prestazioni lavorative in sostituzione di tasse non pagate: è la singolare iniziativa è dell'amministrazione comunale

FICARRA. Prestazioni lavorative in sostituzione di tasse non pagate. La singolare iniziativa è dell'amministrazione comunale guidata dal sindaco Pd Basilio Ridolfo, il quale intende così andare incontro a quei tanti cittadini in difficoltà economiche che nel 2014 non sono riusciti a pagare o hanno pagato parzialmente i tributi locali.

Il provvedimento è stato deliberato dalla giunta comunale forte di una norma di legge poco conosciuta che consente il cosiddetto "baratto amministrativo" ovvero l'opportunità per cittadini singoli o associati di effettuare lavori di pulizia, manutenzione, di decoro urbano e altre tipologie di interventi in cambio della riduzione e in alcuni casi dell'esenzione del pagamento delle tasse locali.
In previsione del cospicuo numero di contribuenti che chiederanno di fruire dell'agevolazione fiscale, gli uffici comunali hanno predisposto anche un apposito regolamento che garantirà trasparenza ed equità. Si parla di stilare una graduatoria, in caso di un eccesso di istanze per accedere al beneficio, secondo le condizioni economiche dei nuclei familiari e di altri parametri. Per un ottimale impiego dei cittadini, l'Ufficio tecnico comunale ha già redatto specifici progetti di utilità pubblica che integreranno servizi svolti direttamente dai dipendenti comunali. Non tutte le tasse dovute potranno però essere restituite con prestazioni lavorative. Per evitare sofferenze alle casse comunali infatti, l'entità massima dei tributi che può essere restituita lavorando ammonta a 300 euro. "E' un aiuto concreto alle fasce più deboli della cittadinanza - afferma il sindaco Ridolfo - coerente con quei valori di solidarietà che hanno sempre contraddistinto questa amministrazione". Per la presentazione delle domande c'è tempo fino al prossimo 30 ottobre.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X