stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Video Cultura Fiumara d'Arte, il nuovo videoclip di Muratori girato al Labirinto e all'Atelier sul Mare

Fiumara d'Arte, il nuovo videoclip di Muratori girato al Labirinto e all'Atelier sul Mare

Il cantautore siracusano Oreste Muratori ha scelto la Fiumara d’Arte di Antonio Presti per girare il videoclip del suo secondo inedito, Nuvole sul divano. In particolare, gran parte delle scene sono state realizzate nel suggestivo Labirinto di Arianna e all’Atelier sul Mare di Castel di Tusa.

Per Muratori si tratta del secondo inedito, che segue il singolo d'esordio, Ieri. Dopo le esperienze autorali per i singoli di Beatrice Romano, Muratori torna in veste di interprete di un proprio brano, nato durante il lockdown del 2020. Quel periodo di chiusura forzata lo ha portato a scrivere un testo sulla distanza nei rapporti umani. All’interno di un piccolo appartamento, il protagonista del brano si nutre delle sensazioni degli oggetti di casa, dei piccoli gesti quotidiani vissuti in solitudine che lo avvicinano con la mente ad un affetto. La lontananza e l’impossibilità di poter raggiungere fisicamente l’altra persona sono lo spunto per affrontare il tema della solitudine e di quei punti fermi che nella nostra vita ci permettono di superare i momenti di difficoltà e di sentirci vicini anche a chi non ci è realmente accanto.

Il videoclip, diretto dal giovane regista di Noto Roberto Celestri, prodotto e distribuito dalla label siracusana Triade Records con la collaborazione in studio di Paolo Leone (arrangiamenti e chitarre), Sergio Tarascio (basso) e dello stesso autore (piano e synth), oltre che della produzione del sound engineer Dario Giuffrida, è stato girato nello scenario surreale del Labirinto di Arianna dell’artista mantovano Italo Lanfredini, opera del suggestivo circuito artistico Fiumara d’Arte, il museo a cielo aperto tra i più grandi parchi monumentali di arte contemporanea in Europa, e tra gli spazi dell’Atelier sul Mare, museo-albergo rinomato per le sue camere d’autore.

Testimonianze d’arte contemporanea volute e ideate dal mecenate Antonio Presti, da sempre impegnato in progetti legati alla tutela del patrimonio collettivo, alla promozione della cultura, all’educazione alla bellezza, e alla diffusione di valori come l’impegno etico e la legalità attraverso tutte le arti. «Oggi più che mai è forte la necessità di restituire bellezza alle nuove generazioni – dichiara Presti –. Sono contento della scelta di Oreste Muratori di registrare il suo video al Labirinto di Arianna e all’Atelier sul Mare. La musica è una forma di testimonianza attraverso la quale trasmettere messaggi di conoscenza. Non dobbiamo dimenticare che questo è un potere che abbiamo tutti perché condividendola aumenta e si rafforza. La musica di Oreste Muratori è strumento di questo potere, parole e immagini veicoli e conduttori di valore universale, testimonianza democratica di impegno».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X