stampa
Dimensione testo
SANITA'

Pronto soccorso dell'ospedale Piemonte di Messina di nuovo a rischio

di
Duecento dipendenti del Piemonte, dal 16 agosto, potrebbero essere messi in esubero se verrà chiusa la struttura. Allarme dei sindacati: intervega il sindaco

MESSINA. Torna a rischio il Pronto soccorso dell'ospedale Piemonte che potrebbe chiudere dal 16 agosto come in duecento, tra i dipendenti, potrebbero essere messi in esubero. «Il sindaco Accorinti intervenga per scongiurare la chiusura del Pronto soccorso del Piemonte», affermano Pippo Calapai, segretario della Uil-Fpl, e Mario Macrì, responsabile provinciale comparto Medici.

I sindacalisti oltre ai disagi per la città sono allarmati anche per i riflessi che si avranno sul piano occupazionale. Infatti, secondo alcune indiscrezioni sarebbero oltre 200 gli esuberi dall’accorpamento degli ospedali Piemonte e Papardo. «La Uil Fpl – aggiungono i sindacalisti – in tempi non sospetti aveva paventato la possibilità che vi potessero essere degli esuberi con la chiusura del Piemonte. Ipotesi che si sta puntualmente materializzando se è vero come è vero che a Palermo stanno già facendo le stime sulla futura pianta organica. Al danno per la città si aggiungerà anche la beffa per i lavoratori che rischiano di essere trasferiti in altre strutture sanitarie».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X