stampa
Dimensione testo
50 GLI INDAGATI

Macellazione clandestina, 33 misure cautelari sui Nebrodi

SANT'AGATA DI MILITELLO.  La polizia sta eseguendo 33 misure cautelari nel territorio del Parco dei Nebrodi nell'ambito dell'indagine "Gamma interferon" che ha fatto luce su una presunta filiera illegale di ingenti quantitativi di carne destinata al consumo.

Cinquanta complessivamente le persone indagate, tra loro allevatori e macellai, affiancati da medici veterinari in servizio presso l'Asp di Sant'Agata Militello, ciascuno con un preciso ruolo nell'organizzazione di una filiera illegale e clandestina delle carni parallela a quella certificata. Tra gli indagati raggiunti da avviso di garanzia per favoreggiamento, abuso e falso, anche il sindaco del Comune di Floresta Sebastiano Marzullo, nella sua veste di veterinario dell'Asp di Sant'Agata, il comandante della polizia municipale del comune di Alcara Li Fusi Nicolò Oriti Titi, il sostituto commissario di polizia di Tortorici Vincenzo Saporito.

Le misure cautelari sono state emesse dal Gip presso il Tribunale di Patti, Andrea La Spada, su richiesta del Sostituto Procuratore Francesca Bonanzinga.

Sono finiti in carcere gli allevatori Biagio Salvatore Borgia, 20 anni e Nicolino Gioitta, di 48; ai domiciliiari Tindaro Ferraro, di 34, Carmelo Ferraro, di 36, Tindaro Ninone Agostino, di 45, Carmelo Gioitta, di 44, Antonino Pinto Ravì, di 57, Fortunata Grasso, di 41, Sebastiano Runzo Calanna, di 50, Antonino Calanna, di 51, Salvatore Artino Inferno, di 37. Obbligo di dimora nei comuni di residenza per Sebastiano Conti Mammamica, di 45, Carmelo Galati Massaro, di 42, Giancarlo Fontana, di 26, Antonino Faraci Treonze, di 33, Antonino Calcò, di 47, Giuseppe Calcò Labbruzzo, di 36, Giovanni Girbino, di 38, Claudio Aurelio Paterniti, di 48, Nicola Faraci Ciaramira, di 33, Vincenzo Maenza, di 47, Tommaso Blandi, di 46, Giuseppe Oddo, di 35, Nicolò Calanna, di 40, Luigi Vieni, di 59, Filadelfio Vieni, di 30, Sebastiano Musarra, di 40, Salvatore Musarra, di 46. Divieto di dimora per Alberto Paterniti, di 53. Sospensione dall'esercizio di pubblico ufficio per i veterinari Nicolò Maimone, di 53, Carmelo Scilla, di 66, Onofrio Giglia, di 43.

Sono accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata al furto, alla ricettazione, maltrattamento e uccisione di animali,commercio sostanze alimentari nocive, truffa aggravata per conseguimento erogazioni pubbliche, abuso d'ufficio, falso e favoreggiamento.

Le indagini hanno fatto emergere come le attività illegali abbiano inizio con furti di animali, fino alla macellazione clandestina e successiva vendita al pubblico, con messa in commercio di alimenti pericolosi per la salute, poiché privi di controlli sanitari e quindi ad altissimo rischio per la trasmissione di malattie infettive, quale la tubercolosi.

Nell'operazione di stamani due persone sono state raggiunte da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere e nove da ordinanza ai domiciliari. Sono stati notificati 18 obblighi di dimora, una persona è stata raggiunta da divieto di dimora e sono tre i veterinari sospesi dall'esercizio di pubblico ufficio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X