stampa
Dimensione testo
GLI ESPERTI

Torna il sereno a Stromboli, i geologi: "Eruzione imprevedibile, ma servono piani di emergenza"

"L'esplosione del vulcano di Stromboli del 3 luglio è un classico esempio di eruzione parossistica con rilascio di ceneri e lapilli ed alte colonne di gas e polveri superiori anche ai 2 chilometri". Così descrive l'eruzione alle Eolie dei giorni scorsi Antonio Alba, consigliere del consiglio nazionale dei geologi.

"Nonostante l’imprevedibilità dello Stromboli - aggiunge -, la situazione sembrerebbe rientrata nella normalità, pur continuando l'attività eruttiva".

"L'eruzione dello Stromboli - commenta Carlo Cassaniti del centro Studi del consiglio nazionale dei geologi - può essere considerata straordinaria e imprevedibile. Ma i piani di emergenza con le relative norme comportamentali devono essere previsti per i frequentatori del vulcano e per la popolazione, affinché si completi il ciclo delle attività di protezione civile"-

E continua: "Abbiamo infatti avuto nel recente passato diversi episodi simili e nel 1930 si sono registrate anche vittime. Questo evento - prosegue - contribuirà ad arricchire la conoscenza degli scienziati che studiano e monitorano i vulcani siciliani al fine di capire se, nel prossimo futuro, sarà possibile individuare eventuali segnali premonitori anche su tali fenomeni esplosivi a grande energia, così da poter pianificare un’attività preparatoria per la messa in sicurezza della popolazione residente e dei visitatori in quota".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X