stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Frana sull'autostrada Messina-Catania, in sei a giudizio per disastro
TRIBUNALE

Frana sull'autostrada Messina-Catania, in sei a giudizio per disastro

Disastro ambientale, peculato, falso ideologico. Sono i reati per cui in sei sono stati rinviati a giudizio a conclusione dell'udienza preliminare per l’inchiesta sui lavori di messa in sicurezza della frana di Letojanni lungo l’autostrada Messina-Catania.

Il gup di Messina Maria Militello ha disposto il rinvio a giudizio al 15 aprile prossimo. Nell’inchiesta finirono il direttore generale del Cas dell’epoca Salvatore Pirrone, il responsabile dell’Ufficio tecnico Gaspare Sceusa, l’ex funzionario del Cas Antonino Francesco Spitaleri, l’imprenditore Francesco Musumeci ma anche il geologo Giuseppe Torre e l’ingegnere Francesco Crinò, tecnici nominati dall’impresa.

A seguito della frana furono appaltati lavori per un valore di circa 500mila euro più Iva per la messa in sicurezza della corsia dell’autostrada Messina Catania, lavori che qualche anno fa finirono nel mirino della procura di Messina. Secondo l’accusa sarebbe stata realizzata «un’opera instabile», nonostante l’intervento per la messa in sicurezza «su un’area interessata da una frana imponente, già qualificata, prima del dissesto, dal piano di assetto idrogeologico, ad alto rischio geologico».

Circa un anno dopo, prosegue l’accusa, nonostante la rete collocata a protezione fango e detriti finirono sulla corsia destinata alla circolazione.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X