stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Furci Siculo, studentessa di Medicina strangolata dal compagno che poi tenta il suicidio
NEL MESSINESE

Furci Siculo, studentessa di Medicina strangolata dal compagno che poi tenta il suicidio

Femminicidio a Furci Siculo, in provincia di Messina. Una giovane donna è stata uccisa, secondo le prime indiscrezioni, strangolata dal suo convivente. La vittima è Lorena Quaranta, originaria di Agrigento, studentessa di Medicina all’Università di Messina.  Il giovane è in stato di fermo. Giovedì il gip dovrebbe convalidare il provvedimento. Sentito per tutto il giorno dai carabinieri, ancora in stato di choc, avrebbe dato una ricostruzione confusa dei fatti. Non è ancora chiaro il motivo della lite che ha preceduto l’assassinio.

Subito dopo il fidanzato, Antonio De Pace di Vibo Valentia, avrebbe tentato il suicidio ferendosi con un coltello e procurandosi tagli ai polsi e al collo. Anche lui è uno studente universitario di Medicina.

La tragedia è avvenuta in un condominio nella zona monte del pasese. Sul posto i sanitari del 118 e i carabinieri della Stazione di Santa Teresa di Riva e della compagnia di Taormina.

«Siamo sconvolti, la nostra comunità lo era già dal coronavirus e questa mattina ha avuto quest’altra tragedia», dice Matteo Francilia, sindaco di Furci Siculo. «A quanto pare - ricostruisce il sindaco - lui ha strangolato lei, poi ha tentato di suicidarsi e non c'è riuscito quindi ha contattato i carabinieri. Sono sul posto e confido nell’ottimo lavoro che stanno svolgendo l’Arma dei carabinieri e la magistratura. Certamente vanno accertati i fatti. La nostra comunità si stringe attorno alla famiglia della vittima e chiaramente condanna nella maniera più assoluta, forte e ferma questo gravissimo gesto».

I due, ha aggiunto il primo cittadino, «non sono residenti a Furci Siculo stavano in un appartamento a quanto pare studiavano Medicina a Messina, non sono persone che frequentavano Furci, lui è calabrese e lei della provincia di Agrigento. Siamo in prima linea contro la violenza sulle donne, a Furci abbiamo un centro di ascolto antiviolenza da 10 anni e bisogna capire cosa è successo. Certo confidiamo nel lavoro degli investigatori fermo restando che qualsiasi gesto di violenza va condannato e chi sbaglia deve pagare».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X