stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Tragico incidente in Sardegna, torna a Messina la salma di Davide Luna
A CAGLIARI

Tragico incidente in Sardegna, torna a Messina la salma di Davide Luna

di

Nessuna autopsia è stata disposta dalla Procura sul cadavere di Davide Luna, il 19enne messinese vittima di un tragico incidente stradale a Cagliari dove si trovava in vacanza per festeggiare la maturità insieme ad un altro amico, ventenne di Messina, tuttora ricoverato, in prognosi riservata all’ospedale “Santissima Trinità”, dove ha subìto un delicato intervento chirurgico. Secondo il parere dei medici tuttavia non sarebbe in pericolo di vita.

La salma di Davide è stata già restituita agli zii perché i genitori non ce l’hanno fatta a partire: la madre, distrutta dal dolore, è rimasta nella sua abitazione di Messina confortata dal marito Giuseppe e dall’affetto dei tanti compagni di classe della V C Turismo dello Jaci.

Il feretro è partito stamattina per raggiungere la città dello Stretto. I compagni di scuola, che si sono ripromessi di non lasciarsi mai e di tenere sempre vivo il ricordo di Davide, stanno preparando un'iniziativa per il funerale. La dirigente scolastica dello Jaci, Maria Rosaria Sgrò, ha autorizzato i ragazzi a rappresentare l'istituto portando ai funerali anche lo stendardo. Sarà presente anche la professoressa Rosamaria Trischitta che li ha accompagnati nel loro percorso scolastico.

La famiglia di Davide Luna, era stata già provata da un grave lutto. Undici anni aveva perso anche il fratello di Dabide. Proseguono le indagini per accertare la dinamica dell’incidente avvenuto nella notte tra lunedì e martedì. Si presume, infatti, che Davide, per cause ancora poco chiare, abbia perso il controllo della moto, un Piaggio Liberty 125 posto ora sotto sequestro.

Secondo le indagini dei carabinieri di Sant’Avendrace, non ci sono segni di altri mezzi né prima né dopo l’impatto. Solo la testimonianza del ventenne che viaggiava con Davide, F.F., potrà a questo punto dare ulteriori elementi.

Si tende ad escludere tuttavia la responsabilità di un secondo mezzo: a stroncare la vita del ragazzo, amato e stimato da tutti, che aiutava il padre nella sua officina, sarebbe stato un sinistro autonomo. Una disgrazia che ha infranto prematuramente  i suoi sogni sull’asfalto, mentre si trovava in vacanza.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X